TUTTO NASCE
DAL RISPETTO DELLE MATERIE PRIME

Il #MetodoLeRugantine , o Metodo a Bassa temperatura, nasce dalla volontà di Andrea Antonelli, ultimo genito della famiglia (2° generazione di pastai), di riportare in tavola un prodotto tradizionale a tutti gli effetti.Una Pasta dalla struttura semplice, dalla composizione naturale e priva di tensione interna;In cui le materie prime selezionate, ricche in principio, vengono rispettate dall’impasto,sino all’utilizzo finale da parte del consumatore.

SEMPLICITA’ E COMPLESSITA’LA TECNICA RIVOLUZIONARIA

Studiata ed applicata sul più antico dei processi di trafilatura, dove sia nell’industria avanzata che in ambito artigianale, anche oggi, attraverso la pressatura meccanica, l’impasto subisce un’alterazione di pressione e temperatura che lo rende apparentemente omogeneo, ma di una struttura schiacciata; gli amidi presentano fratture e le caratteristiche organolettiche principali, che dovrebbero esaltare la qualità della Pasta, sono ALTERATE.Attraverso la nostra TECNICA RIVOLUZIONARIA , eseguiamo un controllo continuo delle temperature sin dalla premiscelazione degli ingredienti, e andiamo ad abbassare notevolmente la pressione e sopratutto la temperatura di estrusione, trafilando la pasta ad una temperatura statica di max. 18-20°.Straordinario il Risultato ottenuto in termini nutrizionali, una resa al 99%, assenza di stressature interne e di alterazione delle proprietà organolettiche delle materie prime !

Il Sapore? #UNICO

sfoglia ruvida e tenace
TRAFILA IN BRONZO
la COMBINAZIONE CON IL METODO

Nel corso degli anni, con l’avanzamento dell’industrializzazione, sono stati svariati i tentativi di ricerca su metodi di lavorazione a freddo, al fine di ottimizzare il sacrificio riscontrato sulle Materie prime e sulla Pasta.Si è cercato di cambiare totalmente metodo passando da una trafilatura ad una laminazione della pasta; metodi riscontrati inefficaci poichè, oltre ad essere applicabili solo per la formatura di sfoglia, e per nessun altro formato, ha evidenziato l’assenza in resa di molti aspetti organolettici e strutturali essenziali per una pasta in cui sono conservate tutte le sue elevate qualità.Il Nostro Metodo è ORIGINALE, studiato appositamente per essere applicato sul metodo più antico di sempre, pertanto non solo mantiene tutte le caratteristiche di una Pasta trafilata al BRONZO, bensì le esalta;Efficace per l’ottenimento di una Pasta di Qualità Elevata, Superiore, dal corpo TENACE, OMOGENEO, D’ANIMA ELASTICA E SUPERFICIE RUVIDA;      

#PASTA…nel puro senso della parola.

porosa, imperfetta…
#originale

#RUVIDA, COME MAI PRIMA D’ORA !La Nostra Sfoglia all’uovo viene definita come il coronamento del nostro intento.Grazie a determinati accorgimenti, oltre che ad un calibratore speciale realizzato artigianalmente, mentre viene stesa, riusciamo a renderne la superfice così, POROSA ed IMPERFETTA , quasi sembra “grattata” accentuandone la porosità data dalla trafila in bronzo.In tanti provano ad Imitarla, ma la nostra è #ORIGINALE !

PRONTI !
TAGLIAMOLA A #FETTUCCE

Sembrerebbe molto semplice, ed in realtà è cosi! Ma come viene “trattata” la sfoglia nel metodo classico?In qualunque caso, prima di essere tagliata, la sfoglia deve essere superficialmente asciutta, e non umida per far si che sia ben tagliata e che non si appiccichi.Nel metodo classico si ricorre a sistemi di areazione che spirgionano forti pressioni di aria, spesso fredda, asciugando la superfice della sfoglia in un tragitto molto breve.Abbiamo appurato che tali pressioni, oltre ad irrigidire la sfoglia in un tempo troppo ristretto, la stressano notevolmente creando delle microcrepe invisibili all’occhio umano, ma che ne alterano la struttura.Per questo, la NOSTRA #SFOGLIA, viene trasportata su dei lunghi nastri prima d’esser tagliata per essere asciugata in superficie in modo del tutto naturale e senza alcuna pressione di aria, Mantenendo cosi inalterata tutta la sua porosità, tenacia e sopratutto STRUTTURA.

FINALMENTE
IL NIDO

Piccolo o Grande, Ovale o Tondo, non ha importanza, purchè sia fatto bene!

Le Fettucce vengono arrotolate in una matassa e posate su telai in legno naturale o alluminio, a loro volta impilati su di un carrello per lo spostamento all’interno delle celle statiche, pronte per l’essicazione !

BUON RIPOSO…

E’ proprio questo la sensazione che si ha quando avviamo la fase di essiccazione, Anch’essa #LENTA ed a #BASSATEMPERATURA, La nostra Pasta viene essiccata in diversi cicli che cambiano in funzione dell’avanzamento del processo stesso.Ogni ciclo comprende una ventilazione lenta e alternata di breve durata, e una lunga pausa tra una vetilazione e l’altra, per un tempo totale che varia dalle 20 alle 22 ore per la Sfoglia, ad una temperatura di picco di max.58,7°, e dalle 24 alle 30 ore ad una temperatura di picco di max. 53,4°, per tutti gli altri formati.Qui la nostra pasta non subisce alcun tipo di stress, anzi #RIPOSA,Così da esaltare tutte le sue elevate caratteristiche, determinate dalla qualità delle materie prime ed elogiate dal nostro METODO

Potrebbe interessarti anche…